giovedì 25 maggio 2017

Un vecchio libro

Riordinando uno scaffale del salotto, mi capita in mano un libro che avevo quasi dimenticato.
Si intitola "Guarire da soli" e l'autore è uno dei guru della medicina naturopatica statunitense, Andrew Weil.


Il libro è assai vissuto, frusto, pieno di sottolineature.
Lo lessi circa 20 anni fa, in tempi non sospetti, quando se mi avessero detto "Sai che tu un giorno sarai una Naturopata", sicuramente avrei risposto "Ma va, che dici? Sei Fuori???".
Ho riletto il libro in un paio di giorni.
Adesso ovviamente mi sembra molto semplicistico, divulgativo, a tratti pure superficiale ma comprendo perfettamente perchè mi colpì così tanto quando lo lessi, tanto da ripensarci più e più volte nel corso degli anni successivi.
Questo libro ha rappresentato sicuramente un seme importante, che è rimasto li latente per tantissimi anni e che poi, quando i tempi erano maturi e il terreno favorevole, è germogliato.


E' spiegato molto bene il concetto di "responsabilità". La persona è responsabile del proprio star bene. Non deve delegare all'esterno la gestione della salute perchè possiede in se tutti gli strumenti per farlo da sola. Il nostro corpo possiede un' innata capacità di autoguarigione ed è nostro compito, solo nostro, far si che questa capacità sia mantenuta efficiente.
Come una macchina, il corpo ha bisogno di buon carburante, così il corpo ha bisogno di buon cibo. Come una macchina, che non deve essere forzata troppo, così il corpo ha bisogno di momenti di riposo. Come una macchina, che non deve essere lasciata troppo ferma altrimenti si scarica, così il corpo deve essere mantenuto in attività, la giusta attività che ci mantiene sani e forti.
Tutto questo è nelle nostre mani.
Dobbiamo imparare a sentire che cosa ci fa bene e che cosa ci fa male. Incrementare le prime cose ed eliminare le seconde. Questa è la nostra responsabilità.
E anche quando ci ammaliamo, dobbiamo essere messi nelle condizioni di poter agire secondo la nostra coscienza, essere informati molto bene dei pro e dei contro della medicina allopatica e poter anche integrare la cura con rimedi o pratiche alternative.
Oggi sicuramente ci sono testi più esaustivi e più aggiornati di questo, ma mi ha fatto molto piacere rileggerlo perchè mi sono rivista, più giovane e più confusa, segnare un solco nel mio terreno e gettare un seme. 
E' arrivato il tempo della fioritura...

Un abbraccio
Francesca

lunedì 22 maggio 2017

L'Accademia a casa mia





Sono felicissima e anche eccitata all'idea. Per un giorno l'Accademia di Naturopatia si trasferirà a casa mia!
Ieri, a lezione, ho proposto al docente di Reiki di fare il tutoraggio di approfondimento a casa mia.
Stavamo discutendo sulla possibilità di farlo in un posto all'aperto. Si pensava alla spiaggia: si, bello, ma c'è tanta gente e non c'è ombra. Si è proposta la montagna: stupendo ma li ci sono troppe zecche, dall'altra parte c'è l'osteria e saremmo disturbati...
Ed è così che ho pensato al mio piccolo paradiso, il mio prato dove c'è ombra, non ci sono zecche, nessuno ci disturba e abbiamo servizi igienici e una cucina dove condividere il pasto all'ora di pranzo.
Proposta accettata da tutti, anche se per alcuni significherà affrontare un paio d'ore di viaggio!!!
Il tutoraggio di approfondimento sarà il 17 di giugno: speriamo davvero che sia una bella giornata!
Insomma, davvero per un giorno l'Accademia di Naturopatia si trasferirà a casa mia!!!
Wow, le mie compagne mi porteranno un sacco di bellissima energia positiva!!!
Un abbraccio a tutti


Francesca

giovedì 18 maggio 2017

In bianco!!!!

Passeggiando per le colline, incontro fiori bianchi!










Amo il bianco!!! E voi?
Un abbraccio
Francesca

martedì 16 maggio 2017

Le cose importanti



Circa due minuti fa ho cancellato il mio account su Facebook.
Era già da un po' di tempo che ci pensavo,  ma la molla che mi ha fatto prendere questa decisione è scattata stamattina. Troppe cose su FB, belle e brutte e le brutte lasciano il segno, mi turbano, mi scuotono e mi sconvolgono.
Non è che voglio chiudere gli occhi sulla realtà, non è che voglio far finta di non vedere la cattiveria della gente o il vuoto che esiste nell'animo di molti, ma queste cose mi rovistano dentro e sto male.
Sono evidentemente troppo sensibile per certe cose. Le immagini che ho visto stamattina in un video non potrò cancellarle mai, me le porterò dentro per sempre e Dio sa quanto avrei voluto non vederle.
Troppo, c'è troppo su FB, troppo per un'anima come la mia che cerca la pace e l'armonia.
Vivo nella realtà, ma la vorrei bere un sorso alla volta.

E così ricomincerò a scrivere qui, sul mio blog, nel MIO spazio personale.
Qui potrò parlare delle cose importanti per me, con i toni che sono i miei.
Ricomincerò a coltivarlo come un tempo. Vorrei rilanciare L'Independence Day, vorrei di nuovo postare ricette o mini-corsi sulle erbe spontanee, vorrei ricominciare a scrivere articoli sulla sana alimentazione... Sto pensando anche ad un canale Youtube dove pubblicare video su come riconoscere le erbe spontanee, ma non sarà subito!!!
Insomma, volevo chiuderlo questo blog e invece vorrei ripartire insieme a voi per percorrere una nuova strada...
Un sorso alla volta

Vi abbraccio

Francesca

domenica 14 maggio 2017

Oltre la metà


 Ormai siamo a metà maggio e le lezioni del secondo anno di Accademia sono quasi finite. Abbiamo ancora due fine settimana di lezione, un paio di tutoraggi e poi anche le lezioni del secondo anno sono archiviate.
Quest'anno è letteralmente volato via, nemmeno me ne sono accorta! Eppure ho fatto davvero tante cose! A parte terminare tutti gli esami del primo anno e darne anche alcuni del secondo, ho conseguito anche un Master in Naturopatia Applicata di 80 ore che mi ha impegnata tantissimo e che mi tornerà sicuramente utile quando aprirò il mio Studio di Naturopatia.
Il secondo è un anno di passaggio. Mentre nel primo anno tutto era una novità ma tutto era anche nebuloso, nuovo, aaffascinante... e mentre il terzo sarà l'anno della raccolta dei frutti, del "tirare le somme" ma soprattutto l'anno della tesi esperienziale che impegnerà ogni momento della propria giornata... il secondo è l'anno in cui si comincia a fare strada l'idea del naturopata che si desidera diventare e di quello che si vorrà fare! Si, perchè la Naturopatia è vastissima, non si può certo pensare di fare tutto e tutto bene!!!


 Io ho già capito che lavorerò molto con i Fiori di Bach (a settembre conseguirò il Master anche in Floriterapia!), con vitamine e minerali, con le piante e con l'energia.
Purtroppo, anche se so che la Medicina Tradizionale Cinese è importantissima, non riesco a farla mia. Ho difficoltà ad assimilare i concetti e mi riesce ostico comprendere tutte le interazioni possibili tra gli organi, i movimenti e le varie forme di energia. Non dico che, una volta terminata l'Accademia, la metterò del tutto da parte perchè intendo comunque continuare a studiarla, ma la MTC non sarà determinante nel mio percorso di naturopata. Ma poi, chi lo sa, magari lungo la strada cambio pure idea!!! Guai a fissarsi sulle cose!


 Insomma, l'anno volge al termine e non mi sembra vero che sono a metà del mio percorso.
Se ripenso a novembre del 2015, quando ho visto per la prima volta le mie compagne di corso, quando timidamente ho preso il mio posto in aula e diligentemente ho cominciato a prendere appunti mentre il docente di anatomia spiegava la lezione... mi sembra passato un secolo.
Sembra un'altra vita! A volte mi chiedo come abbia potuto vivere senza questo progetto, senza questo sogno futuro che si sta piano piano realizzando. A volte mi sorprendo del mio cambiamento ma si sorprendono anche le persone che mi vivono accanto. Non tutti sono contenti di questo perchè sono diventata più indipendente, più battagliera, più determinata e molto meno accondiscendente. D'altro canto mi sento più tranquilla, meno frustrata e con tanta, tanta energia in più!!!
Era tanto che non vi parlavo del mio percorso in Accademia, vero?
OK, il giro di boa è stato fatto. Forse il difficile viene adesso ma almeno comincio a vedere la vetta della montagna!!!
Un abbraccio

Francesca

(immagini da web)

lunedì 8 maggio 2017

Sulla morte e sulla vita...

Quando passeggio per le "mie" colline e vado con lo sguardo curioso alla ricerca della bellezza della vita, faccio pensieri strani, a volte profondi. E' come un dialogo con me stessa, che si srotola senza filtri e che a volte mi porta a fare delle considerazioni, se vuoi impopolari, ma profondamente mie!




Ieri, per esempio, ho pensato molto alla morte.
La morte per la nostra cultura occidentale è un pensiero tabù: non se ne parla, benché l'abbiamo tutti i giorni sotto gli occhi.




Non siamo capaci di morire; ne abbiamo una paura fottuta. Eppure la morte fa parte della vita e così come dovremmo imparare a vivere, dovremmo anche imparare a morire.




Ieri, mentre ero immersa nella bellezza della Natura, ho pensato che, non solo alla mia morte voglio essere cremata (se possibile con un rito celtico), ma non voglio nemmeno nessuna tomba.



Chi mi ha amato in questa vita mi ricorderà vedendomi in ogni fiore, in ogni nuvola, in ogni alito di vento.
Voglio imparare a vivere per essere pronta a morire senza rimpianti e senza aver lasciato i miei talenti inespressi.




Voglio che le mie ceneri ritornino alla Natura, perché io sono Natura e voglio tornare a casa mia!!!
Lo so che sembra un post triste, in realtà è un post che esalta la vita e la gioia di vivere!!!
Un abbraccio a tutti


Francesca

venerdì 5 maggio 2017

Cambiare il mondo

Ho letto e riletto il commento che l'Agricoltore Anacronistico ha lasciato al mio precedente post...
Mi hanno fatto riflettere molto le sue parole e alla fine sono arrivata alla conclusione che le amicizie che ho stretto grazie a questo spazio virtuale non sono meno vere di quelle che invece vivo nella vita di tutti i giorni. Dietro gli schermi dei PC, dietro le tastiere ci sono persone in carne ed ossa ed è solo per la nostra pigrizia o per la nostra paura che queste persone non si concretizzano, non prendono forma.
Ecco che allora ho deciso di riprendere in mano il mio blog.
Non so come e se riuscirò a seguirlo a dovere. Farò quello che di giorno in giorno mi detterà la mia anima e la mia fantasia. Vediamo come andrà.
Per il momento vi voglio lasciare un articolo scritto da Ylenia, del sito Il Tempo della Crisalide.
La potete trovare, con lo stesso nome, anche su Facebook!
Per il momento vi abbraccio e vi mando un bacio.
A presto

Francesca



Il mondo intero potrebbe cambiare anche solo per questo. Ogni cosa potrebbe diventare più leggera, più intensa e più vivida, anche solo per questo. Prova a metterti sdraiato a terra e lascia che il tuo corpo si fidi del sostegno del pavimento. Ascolta il suono del tuo respiro. Inspira con il naso, espira con la bocca. Il tuo corpo diventa diverso: osservalo. Il tuo pensiero si trasforma: ascoltalo....
Ci sono momenti in cui la corazza che indossiamo ogni giorno non serve. Il mondo intero potrebbe cambiare anche solo per questo: siamo decisi ad abitare il nostro corpo in modo diverso; siamo decisi a decostruire il nostro pensiero, ad allargarlo, a renderlo gentile.
Allora quella corazza non ha più ragione di esistere, perché quel che c'è sotto è molto, molto più potente. È strano pensare che coltivando il cambiamento e la morbidezza possiamo diventare infinitamente forti, vero?
Comincia a sdraiarti a terra. Restaci finché senti che tutti i nodi hanno cominciato a sciogliersi. Il mondo intero può cambiare, anche solo per la tua meditazione rilassata.

martedì 4 aprile 2017

Voglio la vita vera!





Il blog "APPASSIONARSI" oggi chiude i battenti!
Non è solo perché non ho più tempo per seguirlo e per arricchirlo, ma anche e soprattutto perché mi sono resa conto che non mi da più alcuna gioia scriverci sopra.
Evidentemente la rete mi ha insegnato tutto quello che aveva da insegnarmi e sicuramente la lezione più importante è che la vita vera, reale, in carne ed ossa è incommensurabilmente migliore.
Bisogna essere capaci di mollare le cose che non servono più, anche se farlo dispiace.
Fino a qualche mese fa non avrei mai pensato di poter prendere una decisione così drastica, ma adesso vivo questo momento con gioia e quasi con un sentimento di sollievo e leggerezza.
Ho passato tutte le fasi del "blogger classico"... dai primi tempi, quando scrivi praticamente tutti i giorni e fai le cose in funzione della pubblicazione sul blog, al momento in cui allenti perché ti rendi conto che hai esagerato, fino all'abbandono temporaneo per poi riprendere... ad oggi, che chiudo senza SE e senza MA!
Se penso alle ore, tante troppe, che ho trascorso davanti al PC... Non rimpiango o rinnego nulla, ma adesso ho davvero bisogno di altro.
Non sento più l'esigenza di esternare all'esterno i miei pensieri e sentimenti, adesso è il tempo dell'introspezione, della ricerca interiore, del far luce nelle stanze buie dell'anima e dell'inconscio e questo è un viaggio solitario e impegnativo.
Adesso ho bisogno di Amici veri e non virtuali, di persone che mi guardino negli occhi, che mi abbraccino, che mi prendano per mano.
Ringrazio tutti quelli che in questi otto anni mi hanno seguita, letta, apprezzata. Ringrazio tutti quelli che sono passati solo di tanto in tanto o anche solo una volta e che hanno lasciato il loro segno con un commento. Ringrazio tutti coloro che, attraverso il blog, sono poi passati ad un livello superiore di amicizia e adesso fanno parte della mia nuova vita.
Grazie, grazie a tutti voi. Vi abbraccio forte forte e vi auguro una vita piena di Gioia e di Amore.


Francesca

venerdì 24 marzo 2017

Concerto stupendo!





Ieri sera a Trieste ho assistito al meraviglioso concerto di Loreena McKennit.
Non vi so descrivere la mia gioia nell'essere li, a pochi passi di distanza da una donna meravigliosa che ammiro da tantissimi anni, sentirla cantare dal vivo. In una cornice davvero meravigliosa, il Politeama Rossetti, con un pubblico disciplinato e attento, che aspettava fino a che la eco dell'ultima nota si spegnesse completamente prima di attaccare l'applauso, si è consumato uno degli eventi  più emozionanti a cui abbia mai assistito.






Loreena canta come un angelo, nulla da aggiungere. I due musicisti che l'accompagnano in questo tour europeo sono davvero bravi e hanno con lei un feeling pazzesco. Mi ha colpita soprattutto Caroline Lavelle, bella, brava, appassionata.






La scaletta prevede un buon numero di canzoni, tutte bellissime. Loreena è spiritosa, simpatica ma anche profonda e sensibile; una donna meravigliosa.
Per immergermi ancora di più nell'atmosfera e davvero "godermi il viaggio", molte canzoni le ho assaporate ad occhi chiusi, illudendomi quasi che quel Trio magnifico stesse cantando e suonando solo per me.






Applausi incontenibile, tre uscite e tre bis, standing ovation e tanto tanto entusiasmo.
Sono tornata a casa in estasi, convinta che la vita va vissuta immersi nella bellezza, nella gentilezza e nella passione per ciò che si fa!
Stasera ho una pratica di shiatsu e ho deciso che tratterò il mio Uke sulle note di Loreena McKennit: quale modo migliore per iniziare questo nuovo stile di vita? Nuovo!!!! Mica tanto nuovo: diciamo che è la mia filosofia già da un po'... possiamo però sicuramente dire che da adesso ha una nuova colonna sonora!!!
Grazie, ne voglio ancora!!!


Un abbraccio
Francesca

mercoledì 22 marzo 2017

Piccolo gruppo di Amici

Che meravigliosa giornata domenica.... Sono stata davvero felice e soddisfatta per come sono andate le cose. Le persone che hanno condiviso con me questa esperienza nel verde erano tutte davvero speciali, quelle che io amo definire le persone "con una marcia in più"!!!
Abbiamo raccolto le erbe selvatiche da preparare per la cena, abbiamo letto poesie in mezzo al verde, abbiamo meditato nella Natura, abbiamo ascoltato le piante con tutti i nostri sensi e ci siamo divertiti come pazzi...
Grazie, ne voglio ancora!!!


Vi lascio alcune foto della mia "Domenica Selvatica".
Abbiamo deciso di ripetere l'esperienza quest'estate... stesso gruppo di persone, stesso posto, erbe diverse!!!


Selfie di gruppo
Un momento di riposo
Poesia
Adesso vi faccio vedere un'erbetta buona...
Brindisi e sorrisi
Marinella al lavoro!
Uomini all'opera!!!
Parte del raccolto!
Stuzzicanti antipastini...
Risotto fatto con Amore e ortiche!
Super insalata veramente wild!!!


E domani a Trieste concerto di Loreena McKennit! Spero di riuscire a fare qualche foto!!!
Vi farò sapere!!!
Grazie, ne voglio ancora!!!


Un abbraccio
Francesca

mercoledì 1 marzo 2017

Un giorno speciale



Sono molto emozionata perché il 19 di marzo sarà una giornata davvero speciale.
Saremo pochi, pochissimi. Al momento siamo in cinque ma non arriveremo comunque a più di otto, ma anche se dovessimo restare solo noi andrà bene lo stesso!!!
Ma cosa faremo, in definitiva?
Accompagnerò i miei amici nei boschi e nei campi e insieme raccoglieremo piante spontanee che poi cucineremo: niente di nuovo, direte voi!!!
In realtà la natura delle persone che verrà con me renderà tutto molto particolare perché questi amici non sono "normali". Una è la mia insegnante di Naturopatia Applicata, una è una riflessologa professionista, una è una mia dolcissima compagna di Accademia e infine, l'unico uomo, è un ricercatore, meditatore, viaggiatore dell'anima.
Quindi questa semplice raccolta di piante diventerà occasione per "sentire" la Natura, meditare all'aperto, salutare la Primavera che arriva, farsi tutt'uno con il bosco, abbracciare gli alberi e diventare Anime Luminose.
L'idea è quella di fare una sorta di laboratorio dei sensi: l'approccio alla pianta selvatica avverrà a occhi bendati. La pianta prima si dovrà sentire con il tatto, poi con l'odorato, con il gusto e infine con la vista. A questo punto, raccolte tutte le erbe che servono, andremo a prepararle e cucinarle. Ricette semplici, con pochi ingredienti: risotto alle ortiche, pasta ai germogli di tarassaco, salse all'aglio vineale... Quando poi questi piatti verranno consumati, lo faremo con consapevolezza, impareremo a sentire l'effetto del cibo dentro di noi, dove agisce, se mi fa bene o se mi fa male, se va bene per me... Si, perché il cibo si sente, solo che noi abbiamo dimenticato come si fa!!!
Insomma, una giornata davvero particolare che mi vedrà in veste di insegnante...
Le meditazioni invece saranno guidate da Monica, Naturopata professionista e cara Amica, donna dall'anima immensa e dal cuore grande!!!
Non vedo l'ora... Sono davvero emozionata!
E se piove? No, non pioverà!!! Chiederò all'Universo una meravigliosa giornata di sole e se anche non mi dovesse ascoltare... pazienza... staremo insieme lo stesso!!! Ci inventeremo qualcosa d'altro!!! Quel che è certo è che, sia che piova o che ci sia il sole, se sei in compagnia di persone speciali, la giornata sarà speciale!!!
Un abbraccio a tutti
Francesca

mercoledì 22 febbraio 2017

Si ricomincia

Nonostante negli ultimi due giorni il tempo sia tornato grigio e umido, ho comunque ripreso da qualche tempo a girellare per le mie colline in cerca di erbe spontanee.
Per il momento vi lascio solo qualche foto.


Cardamine hirsuta
Rumex acetosa
Valerianella selvatica
Allium vineale


Dichiaro ufficialmente finito l'inverno!!!!
Un abbraccio


Francesca

martedì 24 gennaio 2017

Pensieri...





Stamattina ho dei pensieri che non so come definire.
Mi sono alzata pensando a quanto sia cambiato il nostro paese negli ultimi venti-trent'anni!
Ricordo che quando ero ragazzina, camminare per le strade anche di sera non costituiva un pericolo e le persone che incontravo non venivano da me percepite come una minaccia.
Andavo a scuola a piedi da sola, andata e ritorno e quando andavo a lezione di danza prendevo la corriera alle sette di sera per tornare al mio paese e avevo 12-13 anni.
Voi adesso lascereste una ragazzina di quell'età prendere la corriera da sola a quell'ora, in una stazione piena di extracomunitari e sfaccendati che non si sa bene che cosa ci stanno a fare li?
Chiamatemi pure razzista ma io dico "NO!", non ce la lascerei!
Cammino per strada e su 10 persone che incrocio, almeno 6 parlano una lingua che non comprendo.
Ho l'impressione che l'Italia sia in svendita al peggior offerente, che la stiamo regalando, con tutte le sue bellezze, tutta la sua storia e tutta la sua cultura, a qualcuno che non la ama e non l'amerà, che anzi, appena ne avrà la possibilità (e prima o poi questa possibilità arriverà), la stravolgerà, la modificherà, la violenterà.
Penso a mio nonno, che appena ha avuto l'età per farlo, si è arruolato per andare a combattere in trincea a Caporetto. Si è arruolato per difendere il proprio paese, era disposto anche a morire per questo! Cosa penserebbe di quello che sta succedendo adesso?
Sento che lo stiamo tradendo, e come lui, stiamo tradendo tutti coloro che per la nostra libertà, la nostra civiltà e la nostra cultura hanno combattuto e hanno sofferto, hanno sacrificato tutti i loro beni o la loro stessa vita.
Dove sono finite queste persone?
Oggi ho questi pensieri... aiutatemi a capire quello che sta succedendo, perché mi piange il cuore!
Un abbraccio


Francesca

martedì 17 gennaio 2017

Ultime dalla scuola

Questo fine settimana in Accademia è stato molto faticoso (e quando non lo è???): lezioni di Semeiotica ed Anatomia. Però sono davvero contenta. A febbraio spero di riuscire a sostenere l'esame pratico di Shiatsu e a marzo ho l'esame pratico di Riflessologia Plantare. Dati questi due esami, avrò definitivamente archiviato il Primo Anno, anno meraviglioso, intenso e gratificante!
Fra una ventina di giorni comincerò anche gli esami del Secondo Anno. Insomma, non c'è tregua ne riposo ma studio volentieri, mi piace tantissimo!


La nostra scuola si arricchisce di energia nuova: in un'ala distinta hanno inaugurato proprio sabato una scuola elementare multilingue montessoriana... Siamo stati un po' disturbati dalla loro confusione ma è stato bello sentire voci e risate di bambini!
Noi invece abbiamo salutato tutti insieme l'anno nuovo. Essendo il primo fine settimana del 2017 abbiamo fatto un piccolo rinfresco. Insomma, ogni scusa è buona per mangiare!!!






Tutto procede a gonfie vele. Se c'è nella mia vita una cosa che mi rende davvero felice è proprio l'Accademia, dove ho trovato affetto, calore, ascolto e tanta, tanta amicizia!
Un abbraccio
Francesca

lunedì 9 gennaio 2017

Un piccolo aiuto!

Che freddo che fa in questi giorni!
La mattina accendo la macchina un quarto d'ora prima di uscire ma questo tempo non è sufficiente né a sbrinare il parabrezza né a scaldare un pochino la macchina prima di partire!!!
Brrrr..... Penso agli animali che vivono all'aperto, che soffrono il freddo e non trovano un gran che da mangiare in questo periodo.
Ecco allora una piccola, semplice idea per aiutare i nostri amici uccellini: il DISCO DI SEMI!!!
L'idea non è nuova, l'avevo già realizzata qualche tempo fa, ma ve la ripropongo perché mi sembra assolutamente il tempo giusto per farlo!
E' molto semplice: prendi i semi che hai in casa, di qualsiasi tipo, e mescolali con un po' di burro fuso, giusto quello che basta a tenere insieme i semini una volta che si sia rappreso. Io ho usato semi di lino, miglio e semi di girasole. Metti i semi in un piccolo recipiente (io ho usato una piccola coppiglia, ricordandoti di farci passare in mezzo un pezzo di spago.




Schiaccia con un cucchiaino il composto in modo che si accorpi per bene e poi riponi al fresco per un certo periodo. Quando il burro si è indurito, conferendo consistenza al composto, estrai la formina...




... e appendila ad una pianta in giardino o sul balcone.
Gli uccellini prima o poi si accorgeranno della tua formina e saranno molto contenti di poter beccare i semini.




Un altra piccola cosa che possiamo fare è lasciare bricioline di pane sui davanzali delle finestre... e naturalmente far entrare in casa i nostri amici a quattro zampe!!!
Se fa freddo per noi, fa freddo anche per loro!!!
Vi abbraccio forte e vi mando un caldo abbraccio


Francesca